CIRCOLARE: Contributo a fondo perduto previsto dal DL n. 73/2021 (c.d. decreto “Sostegni-bis”) – Contributo per i soggetti con ricavi/compensi da 10 a 15 milioni

L’Agenzia delle Entrate, con il provv. 13.10.2021 n. 268440, ha definito il contenuto informativo, oltre che le modalità e i termini di presentazione, dell’istanza per il riconoscimento dei contributi a fondo perduto per i soggetti con ricavi/compensi da 10 a 15 milioni di euro, provvedimento aggiunto in sede di conversione in legge del decreto Sostegni-bis.

Soggetti beneficiari

Tale contributo spetta ai soggetti che svolgono attività d’impresa, arte e professione, o che producono reddito agrario, titolari di partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che abbiamo conseguito un ammontare di ricavi, o di compensi, superiore a 10 milioni di euro e fino a 15 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019.

Misura del contributo

Sarà possibile modulare l’istanza in relazione alle specifiche convenienze fra il beneficio previsto con il decreto Sostegni (in base alle risultanze dell’anno solare 2019 sul 2020) e quello previsto dal decreto Sostegni bis (sul c.d. anno pandemico dal 1° aprile 2019-31 marzo 2020 e 1° aprile 2020-31 marzo 2021).

Il contribuente può infatti:

  1. richiedere, compilando solo la prima sezione dei requisiti contenuti nell’istanza, esclusivamente il contributo del primo decreto Sostegni se l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 risulta inferiore di almeno il 30% dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019, nel qual caso l’importo del contributo spettante viene determinato in misura pari al  20% della differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.  In tal caso spetta anche il contributo automatico, disciplinato dal Sostegni-bis, per un importo pari al contributo Sostegni, riconosciuto qualora ne ricorrano le condizioni.
  2. richiedere, compilando unicamente la seconda sezione dei requisiti contenuti nell’istanza, solo il contributo alternativo previsto dal decreto Sostegni-bis se l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dall’1.04.2020 al 31.03.2021 è inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dall’1.04.2019 al 31.03.2020: in questo caso l’importo del contributo spettante viene determinato calcolando la percentuale del 30% alla differenza tra i due ammontari.
  3. infine, requisiti permettendo, si può decidere di compilare entrambe le sezioni richiedendo congiuntamente i contributi. In questo caso per il contributo Sostegni l’importo viene determinato come più sopra indicato, ma il contributo automatico Sostegni-bis non spetta. Il contributo alternativo Sostegni-bis viene ottenuto applicando la percentuale del 20% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi sul c.d. anno pandemico.

Modalità di riconoscimento

Il contributo è riconosciuto previa presentazione di un’apposita istanza telematica all’Agenzia delle Entrate a partire dal 14 ottobre u.s. e fino al 13 dicembre p.v. sulla base del modello e delle istruzioni in allegato.

Il contributo, a scelta del contribuente, può essere alternativamente riconosciuto:

Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato

Il credito d’imposta viene riconosciuto nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dal Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato, di cui alla comunicazione 19.3.2020 C(2020) 1863 finale e successive modifiche.