CIRCOLARE: SOCIETA’ E PERSONE FISICHE CON PARTITA IVA – MODELLO UNICO 2021 REDDITI 2020

Dichiarazione dei redditi delle società e delle persone fisiche con partita IVA – Modello Unico 2021 redditi 2020

Gentili Clienti,

la presente per ricordare i documenti ed i dati normalmente necessari per il completamento del modello Unico.

Naturalmente non dovrete inviarci quanto già precedentemente trasmessoci:

– copia F24 versati relativi al 1° e 2° acconto delle imposte sui redditi;

– copia F24 con eventuali utilizzi di crediti IRPEF/IRES/IRAP in compensazione di altre imposte e contributi;

– ammontare delle riduzioni e agevolazioni IRAP relative all’impiego di personale (da richiedere al consulente del lavoro);

– ammontare delle retribuzioni, dei compensi e degli utili spettanti, rispettivamente, al personale dipendente, ai collaboratori coordinati e continuativi e agli associati in partecipazione che apportano lavoro per i soggetti la cui attività viene esercitata nel territorio di regioni diverse da quella in cui risulta domiciliato il soggetto passivo;

– ammontare del TFR maturato dai dipendenti e versato dall’impresa a forme pensionistiche complementari per il calcolo della misura compensativa prevista dal comma 3 dell’art.105 del TUIR;

– ammontare dell’eventuale credito d’imposta per redditi prodotti all’estero (in genere, ritenute subite su redditi di provenienza estera) accompagnato da un prospetto recante l’indicazione, separatamente stato per stato, dell’ammontare dei redditi prodotti all’estero e delle imposte ivi pagate in via definitiva;

– documentazione inerente eventuali ritenute d’acconto subite;

– documentazione relativa a crediti d’imposta (a titolo esemplificativo e non esaustivo: Credito di imposta ricerca, sviluppo e innovazione, credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nel territorio dello stato, crediti d’imposta istituiti nel 2020 per fronteggiare l’emergenza COVID-19) e F24 con utilizzo di tali crediti in compensazione di altre imposte e contributi da dichiarare nel quadro RU;

– documentazione relativa agli aiuti di stato, non subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione, che devono essere indicati nei quadri RS e IS dei modelli dichiarativi Unico e IRAP al fine di alimentare il Registro Nazionale degli Aiuti di Stato RNA presso il Ministero dello Sviluppo Economico;

– ammontare ed estremi della normativa di riferimento dei contributi a fondo perduto, ricevuti nel 2020, che non concorrono alla formazione del reddito;

– versamenti sospesi COVID-19 per i quali bisogna indicare l’importo e il relativo codice desunto dal seguente elenco:

  • Soggetti aventi la residenza, la sede legale o la sede operativa nel territorio dei comuni di cui all’allegato 1 del Dpcm del 23 febbraio 2020,
  • Soggetti aventi il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiori a 400.000 euro nel 2019 (art. 19 D.L. n. 23/2020),
  • Soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato. Proroga al 10 dicembre 2020 del termine di versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi (art. 13-quinquies, c. 1, D.L. 137/2020),
  • Soggetti esercenti attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) e altri soggetti. Proroga al 30 aprile 2021 del termine di versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi,
  • Federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva e associazioni e     società sportive professionistiche e dilettantistiche che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato e operano nell’ambito di competizioni sportive in corso di svolgimento ai sensi del d.p.c.m. 24 ottobre 2020, (art. 1, c. 36, L. 178/2020);

– variazioni intervenute sui debiti e crediti in valuta estera:

  • il saldo iniziale al 31/12/2019 secondo il valore civile e secondo quello fiscale,
  • gli incrementi della voce per debiti/crediti sorti nel 2020 e ancora in essere al 31/12/2020 secondo il valore civile e secondo quello fiscale,
  • i decrementi della voce per debiti/crediti sorti prima 01/01/2020 incassati/pagati nell’esercizio secondo il valore civile e secondo quello fiscale,
  • il saldo finale al 31/12/2020 secondo il valore civile e secondo quello fiscale,
  • il valore di realizzo dei debiti/crediti incassati/pagati nell’esercizio valutati al cambio della data di incasso/pagamento.

Vi preghiamo pertanto di compilare il prospetto allegato;

– ammontare dei premi corrisposti, assoggettati a ritenuta alla fonte, e copia del relativo versamento delle ritenute con modello F24 (solamente se le stesse non sono già state indicate nel modello 770 ordinario);

– copia del bilancio di verifica al 31/12/2020 coincidente con il bilancio di esercizio approvato;

– indicare la detenzione o meno di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio o alla televisione in esercizi pubblici, locali aperti al pubblico o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto ai fini del controllo con la corresponsione del canone RAI;

– elenco nominativo completo di dati anagrafici relativi agli amministratori, ai componenti del collegio sindacale o di altro organo di controllo e dei rappresentanti della società o dell’ente;

– codice fiscale della società di revisione che sottoscrive la relazione di revisione e codice fiscale del suo responsabile della revisione (ad esempio il socio o l’amministratore) in quanto firmatario della dichiarazione;

– per i soggetti residenti che hanno componenti di reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello stato, che direttamente o indirettamente controllano l’impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l’impresa, necessitiamo l’ammontare cumulativo degli importi corrispondenti ai componenti positivi e negativi;

– copia dei documenti di spesa di riqualificazione energetica sugli edifici esistenti, su parti di essi o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, posseduti o detenuti (art. 1, commi 344-349, legge 27 dicembre 2006), superbonus (art. 119 del D.L. n. 34 del 2020) e delle spese relative agli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti (art. 1 commi da 219 a 223 della legge n. 160 del 2019) per quei contribuenti che, nel periodo di imposta di riferimento, intendono usufruire della detrazione spettante ai soggetti titolari di reddito d’impresa.

Ricordiamo che tutti i soggetti con ricavi di ammontare inferiore a € 5.164.569 devono compilare gli ISA (indici sintetici di affidabilità fiscale).

Potere scaricare direttamente il modello relativo al vostro codice di attività collegandovi all’indirizzo

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/modulistica-isa-2021

(in alternativa, previa vostra richiesta, provvederemo ad inviarvi il modello).

Ricordiamo che la prima data per poter effettuare i versamenti è il 30 giugno 2021. Pertanto, per i soggetti che hanno approvato il bilancio entro il 31 maggio 2021, i dati sopra richiesti devono esserci inviati al massimo entro il 10 giugno p.v.

I più cordiali saluti.